COMUNICATO STAMPA del 21 settembre 2017

Giorgio Dell’Agostino punta dritto verso un altro Mondiale e questa volta la sfida si gioca sulle acque francesi.
Le gare che lo attendono a fine mese sono quelle dei primi Campionati Mondiali Sprint Assoluti di Canoa, specialità discesa , abbinati – non era mai accaduto nella storia di questa disciplina – ai Mondiali di Slalom.
Il cronometro, per l’azzurro valtellinese dell’Addaví, scatterà il 26 settembre con la prima gara a squadre; un carosello, quello che vedrà alternarsi i migliori atleti delle due specialità, la cui conclusione è prevista, con le ultime prove, il 1° ottobre.Il calendario agonistico é fittissimo e impegnerà molto gli atleti peraltro sul finire di una stagione che quest’anno è particolarmente lunga, con inizio in primavera e conclusione in autunno.Teatro di gara per quello chi preannuncia fra glie eventi più combattuti, il canale artificiale di Pau, struttura sportiva che promette spettacolo e che piace al campione sondriese abituato alla “vivacità” del fiume di casa: “É un corso d’acqua molto tecnico ma divertente al tempo stesso – è il commento di Giorgio Dell’Agostino – grazie alla buona forma di quest’anno lo affronto con entusiasmo e deciso a replicare le buone sensazioni avute finora”.
Il riferimento è al periodo particolarmente felice è pieno di soddisfazioni; dopo le amarezze che nel 2016 si erano mischiate ai risultati comunque lusinghieri, tanto da portare in dote un terzo posto nella classifica generale di Coppa del Mondo, la stagione in corso è costellata di successi che nessuno ha mai ottenuto prima in Provincia di Sondrio negli sport fluviali: tre argenti e tre bronzi ai recenti Mondiali di Murau in Austria sono solo il bottino più eclatante di un’estate ricca di allori.
Per Dell’Agostino ora l’obiettivo è amministrare bene l’alto livello sia di preparazione che di risultati rimanendo nella ristretta rosa dei migliori e guadagnandosi una posizione fra i primi 12, condizione per poter approdare alla finale di sabato 30 settembre.
Un impegno non da poco al quale l’atleta si è preparato sulle rapide di casa in attesa di partire, venerdì 22 settembre, verso Pau: “Ci alleneremo qualche giorno sul percorso di gara dove abbiamo già fatto una trasferta all’inizio del mese – spiega – per rifinire preparazione e strategie”.
La squadra azzurra – con Dell’Agostino fra i migliori – promette ancora una volta di dare il massimo anche perché in questa occasione l’ICF (International Canoe Federation) valuterà nel dettaglio la capacità attrattiva di questo sport in vista delle future scelte e richieste sul fronte olimpico.

Festa per le 6 medaglie mondiali di Giorgio

Un tuffo dal ponte sul fiume Mur, un salto liberatorio per festeggiare le sei medaglie – tre argenti e tre bronzi – conquistate in quattro giorni di gare. Il canoista azzurro valtellinese Giorgio Dell’Agostino ha concluso così, ieri sera, la sua avventura ai Mondiali di Canoa disputatisi in Austria: una trasferta che lo ha visto eccellere soprattutto nella gara classica, la sua preferita, nella quale si è aggiudicato un terzo posto da fuochi d’artificio, nella categoria C1, a nemmeno 6 secondi dal primo classificato su un tracciato “lungo” una ventina di minuti.
Il sondriese dell’Addavì, cresciuto sulle rapide dell’Adda grazie anche alla caparbietà del padre Stefano, tecnico esperto e pioniere degli sport fluviali in provincia di Sondrio, ha dimostrato ancora una volta di essere nella rosa dei più forti, ai vertici delle classifiche mondiali, confermando l’altissimo livello dello scorso anno (terzo nella classifica generale di Coppa del Mondo) e migliorando ancora le sue prestazioni.
Merito sicuramente del grande impegno e dei sacrifici affrontati fin da piccolissimo, ma anche del sostegno ricevuto da sponsor e tifosi, familiari e amici, così come dalle associazioni sportive di riferimento.
E proprio nella sede fluviale di Albosaggia che quotidianamente ospita le attività agonistiche e formative di Polisportiva Albosaggia – AddAdventure e Addavì, Giorgio Dell’Agostino farà ritorno lunedì alle 18 con le sei medaglie al collo e con le canoe scese in gara sulle acque austriache.
Ad attenderlo alla “Cà del Navet”, per festeggiare la sua impresa – unica ad oggi in quest’ambito nel contesto valtellinese – saranno presenti i responsabili tecnici, gli istruttori e gli allievi delle due società e i ragazzi che ogni giorno scendono in fiume, spinti dal comune amore per queste attività e dal desiderio di diffonderne la pratica.
Una festa informale aperta a tutti, per celebrare in modo sobrio e spontaneo – così com’è nei tratti di questo campione schivo e semplice – un traguardo che è sì del singolo atleta ma che riempie di legittimo orgoglio l’intera comunità locale.
Nell’occasione Dell’Agostino racconterà a sostenitori e pubblico presente le fasi salienti delle gare dei giorni scorsi facendo il punto anche sui prossimi impegni ed obiettivi di stagione: “Sono fiero e felice di poter praticare lo sport più bello del mondo ad un livello così elevato – è il primo commento del canoista mentre fa i bagagli per tornare a casa – con l’unico rammarico di non poter vivere solo di questo”.
Il riferimento, ricorrente fra gli atleti di questa disciplina, è all’entità quasi simbolica dei premi rispetto ad altri sport – e al salto di qualità che la canoa ambisce a fare proprio sul piano della giusta remunerazione per gli atleti professionisti: “Un auspicio che non mi stanco mai di rinnovare – conclude il plurimedagliato campione sondriese – perché solo così potremo favorire la crescita degli atleti di oggi e di domani”.

 

Giorgio Bronzo mondiale

Bronzo mondiale al collo di Giorgio Dell’Agostino: il canoista valtellinese dell’Addavì ha conquistato il terzo gradino del podio nella prima gara in programma ai Mondiali di Canoa Under 23 apertisi oggi a Murau, in Austria.
Un risultato straordinario per l’azzurro sondriese, cresciuto sulle rapide dell’Adda, che ha letteralmente dominato la Gara Classica, sua specialitá nell’ambito della discesa, lasciandosi alle spalle i compagni di squadra, amici e antagonisti di sempre, Mattia Quintarelli (settimo al traguardo) e Paolo Razzauti (decimo).
Un dominio ben riassunto nella classifica che vede i primi tre classificati vicinissimi fra loro: meno di sei secondi, sulla gara lunga, durata 20 minuti, separano Dell’Agostino dal vincitore, il francese Theo Viens, e dal fortissimo Valdimir Slanina, che regala l’argento alla Repubblica Ceca.
Il tutto su un tracciato decisamente non facile, con portate significative e acque selvagge.
“Una medaglia che mi ha commosso – è il commento a caldo del padre di Giorgio, Stefano Dell’Agostino – non solo per il bellissimo risultato, ma per la forza che Giorgio ha saputo sprigionare dimostrando volontà, grinta, fiducia e grande determinazione; basti pensare – aggiunge – che dalla partenza fino al secondo intermedio è stato il più veloce….forse pagando poi lo scotto di un po’ di emozione, proprio per questo, ma ritrovando la forma splendida che lo scorso anno gli è mancata per una serie di concause, prima fra tutte il brutto virus ad inizio stagione”.
Soddisfazione alle stelle anche per il Direttore Tecnico della squadra Vladi Panato, partito alla volta della sfida austriaca forte dei titoli conquistati all’ Europeo Senior di Skopje, in Macedonia, dove ad inizio stagione i discesisti azzurri hanno chiuso con 3 ori, 3 argenti e 5 medaglie di bronzo.
Ora, dopo la Classic Race individuale per tutte le categorie, l’attenzione si concentra sulle prove a squadre della stessa specialità in programma domani; venerdì batterie di qualifica per le prove sprint individuali mentre sabato calerà il sipario sull’evento al termine delle finali individuali sprint e delle gare sprint a squadre.

Dettagli e info al link: https://www.canoeicf.com/wildwater-canoeing-world-championships/murau-2017/schedule
Live streaming: www.murau2017.com/live
Risultati in diretta: http://www.timing-mojstrana.com/?page_id=1067
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Kanu-Sport-Steiermark-1924778554447178/

Comunicato stampa del 29 maggio 2017

Il canoista azzurro valtellinese Giorgio Dell'Agostino raddoppia il Titolo Italiano. 

Dopo quello conquistato a Piateda il 7 maggio nella Gara Sprint, domenica, in Piemonte, il portacolori dell’Addavì ASD si è aggiudicato anche quello nella Gara Classica.

Una vittoria arrivata sullo Stura di Demonte, in provincia di Cuneo, dove i migliori della discesa si sono confrontati nel corso di una due giorni che ha visto il sondriese prevalere nettamente anche sugli antagonisti di sempre, Mattia Quintarelli e Paolo Razzauti.

Una fortunata maratona iniziata sabato, con la Gara Sprint Nazionale, percorso caratterizzato da acqua piuttosto dura, passaggi non semplici e durata superiore al solito, oltre il minuto e mezzo. "Già il primo giorno sono partito subito a un ritmo molto elevato – è il commento a caldo del campione – anche per questo ho affrontato la Gara Classica del Campionato Italiano U23, lunghezza superiore ai 3 chilometri, carico e fiducioso." 

Il valtellinese ha dimostrato il valore della lunga esperienza maturata sull'Adda: il campo di gara, caratterizzato da un ritmo continuamente spezzato, richiedeva di saper pennellare il più possibile le onde e tagliare le numerose curve del fiume.

"Sapevo di potere far bene – racconta Dell'Agostino – per questo sono partito velocissimo tenendo il primo minuto a ritmo di sprint; poi mi sono stabilizzato su un’andatura costantemente buona che mi ha consentito di essere sempre lucido e di fare una buona chiusura".

Soddisfatto ma non "arrivato"; Giorgio Dell'Agostino si preprara già per i prossimi allenamenti mirati a Vipiteno ma soprattutto ai Mondiali U23 di fine luglio in programma in Austria, a Murau.
Sarà una stagione lunga e impegnativa, ma l'atleta dell'Addavì è pieno di energie e i compagni di squadra non sono da meno; le ragazze del rafting hanno conquistato nei giorni scorsi l'oro nello Slalom Under 19 agli Europei in Georgia e i veterani del gruppo, Mauro Ciullo e Stefano Dell'Agostino, nel week end sullo Stura hanno fatto incetta di medaglie: nelle varie categorie della canadese – monoposto, biposto e squadre – sono arrivati sia l’oro che l’argento che il bronzo!

 

Comunicato stampa del 26 maggio 2017

Addavì d’oro ai Campionati Europei di Rafting in corso di svolgimento in Georgia!

Le ragazze di Stefano dell’Agostino, Martina Valli e Claudia Nani, già protagoniste ieri con un quarto posto insieme alle compagne del Merano, si sono fatte onore oggi conquistando il primo posto nella Gara Slalom R6.

Le sei azzurre salite sul gradino più alto del podio sono riuscite nell’impresa, degna di nota, di battere le fortissime concorrenti della Repubblica Ceca: una soddisfazione non da poco per Sarah e Raphaela Oberhofer, Sarah Walter, Charlotte Pragal – tutte del DRD4 A.S.D. di Merano (Bolzano) e dalle due valtellinesi Martina Valli e Claudia Nani dell’Addavì A.S.D. di Sondrio.

Un risultato, quello maturato al termine di due manche combattutissime, che assume maggior valore se si considerano le condizioni del fiume Mtkvari, a dir poco vivace dopo le abbondanti precipitazioni dei giorni scorsi.

Per le azzurre di casa – che si allenano quotidianamente sulle acque dell’Adda – una trasferta da incorniciare ed un incoraggiamento a proseguire sulla strada intrapresa.

Orgoglioso il team leader Dell’Agostino: “L’oro è la massima aspirazione – ha commentato – ma non ci fermeremo qui”.

La kermesse continentale andrà in archivio domani, sabato, con la Gara Classica, cioè sulla lunga distanza, che concluderà questo Campionato Europeo.

Pomeriggio di soft rafting

Bellissimo pomeriggio di soft rafting tra Piateda ed il Bosco dei Bordighi.

Tanti ragazzi ed anche adulti si sono cimentati in una discesa in fiume alla scoperta di un ambiente naturale ancora in buono stato di conservazione. 

Qui tante foto della giornata

 

Campionato europeo

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2017

C’è anche il nome del campione valtellinese Giorgio Dell’Agostino nel ricco medagliere che gli azzurri della canoa porteranno a casa nelle prossime ore dal Campionato Europeo di  Skopje, in Macedonia.
11 in tutto le medaglie conquistate dai discesisti italiani che nel tardo pomeriggio di domenica hanno chiuso la rassegna continentale proprio con il bronzo nella sprint a squadre maschile categoria C2; sul podio Riccardo Fiorese e Francesco Baldan, Mattia Quintarelli e Giorgio dell’Agostino, Paolo Razzauti e Davide Maccagnan.

Il crono registrato sui 49.26 li ha portati sul terzo gradino del podio a +5.45 dalla squadra francese d’oro, prendendosi a sua volta la rivincita sulla Repubblica Ceca (oro nella classica a squadre), che con +3.13 di scarto si accontenta dell’argento. 

Niente da fare invece per il team del C1 e quello del K1 maschile: il sondriese dell’Addavì e i compagni di squadra Razzauti e Quintarelli, hanno terminato la gara in canadese monoposto sfiorando il metallo prezioso con una quarta posizione in 49.01, a +2.85 dal titolo continentale conquistato dalla fortissima squadra francese; medaglia d’argento per la Repubblica Ceca, bronzo per la squadra tedesca. 

Come sempre pacato il commento di Dell’Agostino già sulla via del rientro previsto nella giornata di domani: “Torno con il rammarico di non aver fatto meglio per quanto riguarda le gare alle quali puntavo nella categoria C1, la canadese monoposto – spiega – non sono andate per il meglio; nella gara classica, quella lunga, i distacchi dai primi classificati sono ancora troppo significativi.”

Una sana autocritica che non impedisce al canoista cresciuto sull’Adda di concedersi altro tempo per migliorare un livello comunque altissimo: “Nella gara sprint ero mediamente soddisfatto alla fine della prima manche chiusa all’11esimo posto – ricorda – ma nella seconda dovevo chiudere in 7ima posizione per andare in finale, obiettivo che avrei centrato se non fosse stato per due brutti errori che ho commesso proprio nel finale”.

Per la cronaca: la trasferta in Macedonia ha visto protagoniste assolute le ragazze con l’exploit, in particolare, delle figlie d’arte, Cecilia e Alice Panato – già in luce al recente Campionato italiano sulle acque di Piateda – che sulle orme del papà Vladi hanno portato a casa più di un titolo europeo, così come l’inossidabile Marlene Ricciardi sotto i colori della Marina Militare.

Il bilancio totale per l’Italia è di undici medaglie, di cui tre titoli europei.

 

Gentilissimi partner

Come avrete certamente avuto modo di apprendere, il Campionato Italiano di Canoa e Kayak FICK- Piateda 2017 al quale avete concretamente partecipato, é andato in archivio accompagnato da un grande successo sia in termini sportivi e agonistici che da punto di vista della visibilitá e del ritorno di immagine.

Il titolo conquistato dal campione di casa Giorgio Dell'Agostino, l'organizzazione giudicata impeccabile all'unanimitá e l'ampia attivitá di comunicazione condotta su tutti i fronti, ci hanno permesso di metterci in luce non solo fra gli atleti e i dirigenti della Federazione Italiana Canoa e Kayak ma anche al cospetto di un folto pubblico, sia in Valtellina che oltre i confini provinciali e nazionali.

I risultati raggiunti rappresentano una grande soddisfazione ed un traguardo ma anche un nuovo punto di partenza che vogliamo condividere con voi, ringraziandovi per il sostegno convinto e concreto, con l'auspicio che il futuro ci riservi nuove sfide da cogliere insieme.

Allegata alla presente la fotocomposizione realizzata a Campionato concluso: lo spazio bianco alla base é a vostra disposizione per l'eventuale apposizione del logo con il quale avete partecipato all'evento e la successiva diffusione da parte vostra mediante modalità canali e contatti che riterrete opportuni, nel rispetto delle normative vigenti in materia di diffusione/affissione ed eventuali relativi adempimenti a carico vostro.

Cordialmente,
Stefano Dell'Agostino
Presidente Comitato Organizzatore
Campionato Italiano di Canoa e Kayak – Piateda 2017

Legno da vivere

Sabato 20 e domenica 21 maggio 2017 ritorna Legno da Vivere, la manifestazione promossa da Ersaf Lombardia e dalla Comunità Montana Valtellina di Sondrio al Bosco dei Bordighi.

Tantitssime belle attività e soft rafting a cura di AddAdventure.

 

La Comunità Montana Valtellina di Sondrio, in collaborazione con ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) sede operativa di Morbegno, propone per sabato 20 e domenica 21 maggio 2017 (in caso di pioggia rimandata a sabato 27 e domenica 28 maggio 2017) l’iniziativa “LEGNO DA VIVERE – 4^ edizione 2017” che prevede due giornate con attività informative e dimostrative aperte a tutti presso la Riserva Naturale Bosco dei Bordighi.

L’iniziativa rientra anche nel calendario di “Foreste da Vivere”, manifestazione proposta da Regione Lombardia ed ERSAF per promuovere la conoscenza e la fruizione del patrimonio forestale lombardo, e nel programma di “Valtellina Adda Festival 2017”.

Tali giornate saranno rivolte alla cittadinanza ed avranno come obiettivo principale quello di sensibilizzare i partecipanti, in particolare i bambini, in merito all’importante ruolo svolto dall’ambiente, dalle foreste e dal fiume in una realtà alpina come la Provincia di Sondrio ed al corretto equilibrio fra la natura e l’uomo per stimolare l’interesse nelle nuove generazioni, ma non solo, alla gestione sostenibile del patrimonio agro-forestale e del Fiume Adda.

Verranno allestiti dei laboratori didattici e degli spazi dimostrativi/espositivi inerenti le varie tematiche, attività e figure professionali legate all’ambiente, al bosco ed al Fiume Adda, in un’ottica ecosostenibile e ludico-ricreativa.

Per chi avesse difficoltà di deambulazione, ci sarà la possibilità di fruire del servizio offerto grazie alla collaborazione con il Servizio di Vigilanza Ecologica per il trasporto tramite joelette condotte dai volontari (è gradita la prenotazione).

In particolare:

durante la giornata di sabato 20 maggio (in caso di pioggia rinviata al 27 maggio) dalle ore 13.30 verrà proposta una Caccia al Tesoro lungo i sentieri della Riserva Naturale Bosco dei Bordighi e ci sarà la possibilità, previa prenotazione obbligatoria, di partecipare ad attività di soft rafting sul Fiume Adda;
nella giornata di domenica 21 maggio (in caso di pioggia rinviata al 28 maggio) dalle ore 9.30 si potrà partecipare alle varie attività informative e dimostrative indicate nel programma dell’iniziativa (pubblicata sul sito web della Comunità Montana Valtellina di Sondrio e di ERSAF) quali: laboratori di intaglio ed intarsio del legno, attività educative con gli asini, visite guidate, laboratori e giochi didattici nella Riserva Bosco dei Bordighi, laboratorio sul mondo delle api, visita al Centro di ripopolamento ittico di Faedo Valtellino. La manifestazione si concluderà con lo spettacolo teatrale “Hansel e Gretel” previsto per le ore 17.
Per ulteriori informazioni, contattare:

ERSAF di Morbegno: tel. 0342 605580 – morbegno@ersaf.lombardia.it
Comunità Montana Valtellina di Sondrio: tel. 0342 210331 – info@cmsondrio.gov.it
SOFT RAFTING – ISCRIZIONE OBBLIGATORIA ENTRO IL 18 MAGGIO

Piateda incorona Giorgio Dell’Agostino Campione d’Italia

Il campione di casa, Giorgio Dell’Agostino, protagonista assoluto al Campionato Italiano di Canoa e Kayak, specialità discesa, svoltosi sabato 6 e domenica 7 maggio a Piateda dove i migliori si sono sfidati per la conquista del titolo sulle celebri rapide di Boffetto.

Ad accogliere le oltre 15 squadre provenienti da tutta Italia con più di 80 atleti, un fiume Adda giudicato perfetto dalla FICK (Federazione Italiana Canoa e Kayak) per qualità tecniche e portata: a rendere possibile lo svolgimento ottimale delle prove, la disponibilità d’acqua – un vero e proprio lusso in un anno particolarmente siccitoso – garantita da A2A, Enel Greenpower ed Edison.

Grande soddisfazione per gli atleti che hanno apprezzato il percorso di gara – 400 metri per la disputa delle gare “sprint” – ma anche l’organizzazione impeccabile, premiando così gli sforzi fatti dalle associazioni sportive, Polisportiva Albosaggia e Addavì e dagli enti locali.

Entusiasmo alle stelle per l’azzurro cresciuto fra queste onde al quale lo scorso anno, nelle stesse date, il titolo di Campione Italiano era sfuggito davvero per un soffio; questa volta l’ormai consueta sfida a tre fra i migliori della specialità ha visto prevalere Giorgio Dell’Agostino, nettamente in vantaggio su Paolo Razzauti e Mattia Quintarelli.

Lo spettacolo ha coinvolto come sempre centinaia di appassionati e praticanti degli sport d’acqua mossa, ma anche molti residenti e turisti che per la prima volta si sono accostati al panorama delle discipline fluviali.

Una grande soddisfazione – ha commentato il Presidente Nazionale della FICK Luciano Buonfiglio presente all’evento insieme agli altri vertici federali e all’assessore regionale allo sport Antonio Rossi – anche in considerazione del grosso sforzo che viene compiuto ogni giorno, sia a livello centrale che in ogni provincia d’Italia per la promozione e la diffusione della canoa e del kayak.

Giudizi lusinghieri sono giunti, oltre che dai vertici della Federazione, anche dalle numerose squadre presenti e dai numerosi accolti dal Comune di Piateda e dalla Comunità Montana Valtellina di Sondrio, grazie anche al sostegno e al patrocinio di BIM, Amministrazione Provinciale e Regione Lombardia.

“Grazie al supporto e alla collaborazione di tutti e alla progettazione e comunicazione dell’evento – ha dichiarato il presidente del comitato organizzatore, Stefano Dell’Agostino – abbiamo fatto un altro importante passo avanti nella diffusione degli sport di pagaia sull’ineguagliabile tratto alto del fiume Adda”.

Ora la stagione appena iniziata prosegue con il calendario agonistici oltre i confini nazionali in Macedonia dove i migliori di ciascuna categoria – fra i quali proprio il valtellinese Dell’Agostino, portacolori di Addavì – disputeranno nei prossimi giorni il Campionato Europeo di Sckopje.

Le iniziative in Valtellina proseguono con Adda Festival nel comprensorio sondriese: fra gli eventi clou le giornate di soft rafting il 20 e 21 maggio al Bosco dei Bordighi, a Faedo, in occasione della rassegna “Legno da Vivere” organizzata dalla Comunità Montana Valtellina di Sondrio in collaborazione con Ersaf.

Qui le classifiche ufficiali

1 2